Le sale espositive di Palazzo Morando a Milano ospitano da mercoledì 17 novembre al 20 marzo 2022 la mostra “Wonder Wowan. Il mito” a cura di Alessia Marchi con il contributo curatoriale moda di Maurizio Francesconi.

Si tratta del primo progetto museale nonché della prima mostra in Italia interamente dedicata all’eroina femminile dell’universo Dc Comics, personaggio tra i più amati dell’immaginario americano di tutti i tempi.

Ideata per l’editoria a fumetti nel 1941 dallo psicologo americano William Moulton Marston, con le prime illustrazioni di Harry G. Peter, Wonder Woman è diventata negli anni Settanta l’omonima serie televisiva statunitense, con protagonista un’intramontabile Lynda Carter, per conquistare infine il grande schermo con i film “Wonder Woman” (2017) e “Wonder Woman 1984” (2020), entrambi interpretati da Gal Gadot e distribuito in Italia da Warner Bros. Pictures.

Quest’anno Wonder Woman compie 80 anni. Ottant’anni in cui la sua figura – originalissimo modello della cultura pop americana – ha incarnato l’ideale eroico della donna-guerriero, la più grande icona femminile dell’universo Dc che ha debuttato nelle pagine di All Star Comics #8 come Diana, giovane membro di una tribù di donne chiamate Amazzoni, originaria di Paradise Island, un’isola nascosta nel mezzo di un vasto oceano.

Wonder Woman è divenuta indiscusso simbolo di verità, giustizia e uguaglianza, attraversando e superando confini geografici e decenni di storia. “Bella come Afrodite, saggia come Atena, più veloce di Hermes e più forte di Ercole”, ma anche tenace come Atlante, potente come Zeus, audace come Achille: Wonder Woman incarna le migliori abilità fisiche e morali che la mitologia greco-romana ci continua a insegnare. È un unicum, dunque, in cui ancora oggi si possono rispecchiare donne – e anche uomini – che sanno di essere tutte e tutti un po’ “wonder”. Accompagnato dall’hashtag #wondersonoio, il progetto – primo assoluto in Italia – esplora la figura di Wonder Woman e gli ottant’anni di storia che ha attraversato, in una connotazione interdisciplinare che tocca molti ambiti – dall’illustrazione e il fumetto al cinema, dalla cultura pop alla moda – attraverso un percorso curato da Alessia Marchi e articolato in sezioni dove coabitano comics e tavole originali (dalla Golden Age ai nostri giorni), videoinstallazioni, costumi e oggetti di scena dell’universo cinematografico.

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.