Da non perdere l’incontro del 27 agosto a #Morruzze con Stefania Maurizi e Riccardo Cucchi. Stefania Maurizi l’unica giornalista che ha lavorato sin dall’inizio, per il suo giornale, su tutti i documenti segreti di WikiLeaks, a stretto contatto con Julian #Assange, incontrandolo molte volte.

Nella cella di una delle più famigerate prigioni di massima sicurezza del Regno Unito, un uomo lotta contro alcune delle più potenti istituzioni della Terra che da oltre un decennio lo vogliono distruggere. Non è un criminale, è un giornalista. Si chiama Julian Assange e ha fondato WikiLeaks, un’organizzazione che ha profondamente cambiato il modo di fare informazione nel XXI secolo, sfruttando le risorse della rete e violando in maniera sistematica il segreto di Stato quando questo viene usato non per proteggere la sicurezza e l’incolumità dei cittadini ma per nascondere crimini e garantire l’impunità ai potenti. Non poteva farla franca, doveva essere punito e soprattutto andava fermato. Infatti da oltre dieci anni vive prigioniero, prima ai domiciliari, poi nella stanza di un’ambasciata, infine in galera. È possibile che a un certo punto venga liberato, oppure rimarrà in prigione in attesa di una sentenza di estradizione negli Stati Uniti e poi finirà sepolto per sempre in un carcere americano. Con lui rischiano tutti i giornalisti della sua organizzazione. L’obiettivo è distruggerli e farlo in modo plateale.

Sabato 27 agosto alle 21, a Morruzze, Piazza San Giovanni, Stefania Maurizi in dialogo con Riccardo Cucchi presenterà il libro “Il potere segreto. Perché vogliono distruggere Julian Assange e Wikileaks” (Chiarelettere, 2021). 

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.