Il governo britannico ha approvato l’estradizione del fondatore di WikiLeaks Julian Assange negli Stati Uniti per essere accusato di spionaggio. Assange potrebbe essere inviato negli Stati Uniti, dove dovrà essere processato con 17 accuse di spionaggio e un’accusa di uso improprio del computer. Assange ha 14 giorni per presentare ricorso.

Il Ministero dell’Interno ha affermato in una dichiarazione che “i tribunali del Regno Unito non hanno ritenuto che sarebbe oppressivo, ingiusto o un abuso di processo estradare il sig.Assange” ené hanno ritenuto che l’estradizione sarebbe incompatibile con i suoi diritti umani, compreso il suo diritto a un processo equo e alla libertà di espressione, e che mentre si trova negli Stati Uniti sarà trattato in modo appropriato, anche in relazione alla sua salute,” ha dichiarato. I sostenitori e gli avvocati di Assange , 50 anni, sostengono che agiva come giornalista e ha diritto alla protezione della libertà di parola del Primo Emendamento per la pubblicazione di documenti che hanno denunciato illeciti militari statunitensi in Iraq e Afghanistan. Sostengono che il suo caso è motivato politicamente e che non può ottenere un processo equo negli Stati Uniti. “Oggi non è la fine della lotta. È solo l’inizio di una nuova battaglia legale”, ha detto la moglie di Assange , Stella Assange . Ha detto che la decisione del Regno Unito ha segnato “un giorno oscuro per la libertà di stampa e per la democrazia britannica“. “Julian non ha fatto nulla di male“, ha detto. “Non ha commesso alcun crimine e non è un criminale. È un giornalista e un editore, e viene punito per aver svolto il suo lavoro”.

Organizzazioni giornalistiche e gruppi per i diritti umani avevano chiesto alla Gran Bretagna di rifiutare la richiesta di estradizione. Gli avvocati di Assange affermano che potrebbe rischiare fino a 175 anni di carcere se fosse condannato negli Stati Uniti, anche se le autorità americane hanno affermato che è probabile che qualsiasi condanna sia molto più bassa di quella. Il segretario generale di Amnesty International, Agnes Callamard, ha dichiarato in merito all’estradizione di Assange che “lo metterebbe a rischio e invierebbe un messaggio agghiacciante ai giornalisti di tutto il mondo”. Se l’estradizione procede, Amnesty International è estremamente preoccupata che Assange debba affrontare un rischio elevato di isolamento prolungato, che violerebbe il divieto di tortura o altri maltrattamenti’‘, ha detto. “Le assicurazioni diplomatiche fornite dagli Stati Uniti che Assange non sarà tenuto in isolamento non possono essere prese per valore, data la storia precedente.”

 

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.