Si può troncare un film in anticipo e tagliare il finale di un film? È quello che si stanno domandando in molti e primo fra tutti il regista Roan Johnson: “Come si fa a commentare il fatto che in prima serata su Rai1 un film venga tagliato a 15 minuti dalla fine perché – immagino eh – Porta a Porta sennò va troppo in là? Come si fa a scusarsi con gli spettatori, con tutti quelli che hanno lavorato al cinema e con Camilleri? Forse La stagione della caccia dovrebbe essere aperta per trovare il responsabile in Rai (che a mio parere è la prima ad essere stata danneggiata ieri sera)”.

Il regista del film La Stagione della caccia, Roan Johnson , si è sfogato così sul suo profilo facebook e twitter, per quanto accaduto ieri su Rai1, al film tratto dal romanzo di Andrea Camilleri e trasmesso in replica sulla rete ammiraglia del servizio pubblico.

Intanto i dati degli ascolti rai ci dice che ieri erano 2 milioni e 804mila gli spettatori che hanno visto, pardon, stavano vedendo, La stagione della caccia.

Non è necessario essere un buon detective per immaginare i commenti degli spettatori.

 

Giovanni Parrella

Di admin

Un pensiero su “RAI. “La stagione della caccia” tagliato a 15 minuti dalla fine. Lo sfogo del regista Roan Johnson: “immagino perché Porta a Porta sennò va troppo in là””
  1. Per dovere di cronaca informiamo che dopo l’ondata di proteste l’ufficio stampa Rai precisa che “La mancata messa in onda ieri sera su Raiuno degli ultimi 10 minuti di La stagione della caccia, del ciclo C’era una volta Vigata, è stata il risultato di uno spiacevole errore materiale nella trascrizione delle durate dei blocchi di trasmissione. Nessuna responsabilità dell’accaduto può essere attribuita al programma Porta a Porta trasmesso subito dopo.
    La Rai si scusa con i telespettatori, con la società di produzione “Palomar” di Carlo degli Esposti, con il regista Roan Johnson, il cast e tutti quelli che hanno reso possibile la realizzazione del film. La stagione della caccia verrà riprogrammato nella sua interezza nelle prossime settimane”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.