L’universo di Pier Paolo Pasolini, tra cinema, tv, letteratura, impegno sociale: lo ripercorre, nel centenario della nascita, il palinsesto della “Domenica con” lo spazio curato da Enrico Salvatori e Giovanni Paolo Fontana, in onda domenica 27 febbraio dalle 14 alle 24 su Rai Storia.

Dieci ore per riascoltare e rivedere le immagini, le interviste ei documentari tratti delle Teche Rai che visto Pasolini protagonista, ma anche per “incontrare” chi ne conserva memoria, come Flavia Leonarduzzi e Angelo Battel, presidente e membro del Centro Studi Pier Paolo Pasolini Casarsa, il critico letterario e docente Marco Antonio Bazzocchi, Roberto Chiesi, responsabile del Centro Studi – Archivio Pasolini della Cineteca di Bologna, e il professor Luciano De Fiore, storico della filosofia. Un viaggio che comincia con III B Facciamo l’appello: il 29 maggio 1971, nello studio dell’Antoniano di Bologna, Enzo Biagi incontra Pasolini, tra i suoi compagni di liceo. Nel pomeriggio, fra gli altri, il documentario di Nico Naldini “In un futuro aprile” che racconta il periodo vissuto da Pasolini in Friuli e “Un’ora con Ezra Pound“, registrato nel 1967. Dalla letteratura al cinema, con opere come “Appunti per un film sull’India”, il film del 1971 Le mura di Sana’a e il documentario della serie “Io e “, di Paolo Brunatto, in cui Pasolini commenta gli sfregi dell’edilizia moderna sugli antichi paesaggi laziali.

Nel preserale, gli spezzoni dei telegiornali che il 2 novembre 1975 annunciano la morte dell’intellettuale, e il programma “Controcampo: Pasolini, la provocazione“, curato da Giuseppe Giacovazzo e registrato il giorno seguente i funerali, con Alberto Moravia e Paolo Volponi. In prima serata, il documentario “Pasolini, il santo infame”, si sofferma sul tormentato rapporto del poeta con la giustizia italiana.

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.